Industria chimica europea

Al vertice Daniele Ferrari, AD Versalis (Eni).

“L’industria chimica europea è il motore tecnologico per rendere circolare l’economia reale”: così Daniele Ferrari, Amministratore Delegato di Versalis (Eni) e Vice Presidente di Federchimica, eletto il 26 ottobre scorso ad Amsterdam alla Presidenza di Cefic, l’Associazione europea dell’industria chimica per il biennio 2018-2020.

Con una produzione annua di 542 miliardi di euro, l’industria chimica europea è il secondo player mondiale dopo la Cina.

Secondo Ferrari: “La chimica è un settore strategico perché alla base di gran parte del manifatturiero, è in grado di fornire soluzioni adeguate alle grandi sfide mondiali: la sostenibilità ambientale e i cambiamenti climatici, la gestione più efficiente delle risorse e, in termini più ampi, l’economia circolare”.

“Rispetto ai competitor mondiali, Asia e Stati Uniti, l’Europa può vantare una specializzazione che nasce dai continui investimenti in ricerca e innovazione. Negli ultimi anni la produzione chimica europea ha continuato a crescere e, da cinque trimestri, risulta in espansione anche l’occupazione (+1,7%).

Questo è il segnale che le imprese si stanno dotando di nuove risorse e nuove competenze per far fronte alle sfide tecnologiche e di mercato”.

“Un’economia forte ha bisogno di un’industria chimica forte: opereremo per poter crescere in Europa, fornendo il nostro contributo decisivo per lo sviluppo di prodotti ad alto contenuto tecnologico e processi sempre più sostenibili ed efficienti, dimostrando di essere, al tempo stesso, un fattore di attrattività per nuovi investimenti”.

Con una carriera trentennale nell’industria chimica in Italia, Gran Bretagna, Belgio e USA, Daniele Ferrari è oggi Amministratore Delegato di Versalis (Eni) e Presidente di Matrìca, joint venture per la chimica da fonti rinnovabili.

Dal 2011 è vice Presidente di Federchimica, Federazione nazionale dell’industria chimica, è Presidente uscente di PlasticsEurope, l’Associazione europea dei produttori di materie plastiche.

I commenti sono chiusi.