Un nuovo strumento di precisione per il Gene Editing.

La scienza italiana affila le forbici molecolari dell’editing genetico facendo del “taglia e incolla” del genoma un’arma di altissima precisione a disposizione della ricerca e della medicina di precisione.

La scoperta è stata annunciata dal Centro di biologia integrata dell’università di Trento sulla rivista “Nature Biotechnology”.

La nuova tecnica è stata chiamata “evoCas9” e sembra rappresenti una variante più sicura e affidabile della tecnologia Crispr/Cas9 già ampiamente utilizzata in tutti i campi della ricerca.

Quest’ ultima, utilizza una molecola di RNA guida per individuare i geni da correggere, RNA che potrebbe agganciarsi a un frammento di DNA simile ma non proprio uguale a quello del gene-bersaglio, portando l’enzima Cas9 ad agire anche in punti non voluti.

I ricercatori dell’università di Trento hanno realizzato un metodo sdi screening, ad oggi sperimentale, attraverso il quale otterrebbero una molecola – evoCas9 – estremamente precisa nel modificare il DNA. Si tratterebbe di un “perfetto correttore” che effettua modifiche soltanto nel punto stabilito.

La nuova metodica è stata subito brevettata ed è già oggetto di interessi a livello internazionale.

I commenti sono chiusi.